Home Ricordiamoli MONS. SAVERIO FERINA

MONS. SAVERIO FERINA

 

 

 

Mons. Saverio Ferina

(n. 12/03/1925 + 28/11/2016

 

Si è spento all’età di 91 anni, monsignor Saverio Ferina, studioso e direttore dell’archivio storico diocesano. Ferina Saverio era nato a Bisacquino il 12.03.1925 Ha compiuto gli studi presso il Seminario Arcivescovile di Monreale e la licenza in Teologia presso l’Università del Laterano di Roma. Ordinato Sacerdote da S.E. Mons. E. Filippi il 30 aprile 1950, nella cappella dell’Arcivescovado di Monreale. Vicario Cooperatore nella Parrocchia di S. Fara di Cinisi dal 20.05.1950 al 18.03.1952.

Nominato Parroco di S. Rosalia in Montelepre il 01.10.1951. A Montelepre ha curato moltissimo l’istruzione religiosa dei fanciulli e degli adulti, il restauro della Chiesa, la costruzione di due campanili, della casa canonica e catechistica, dell’Istituto Don Bosco e Regina Margherita.

Fu nominato poi Parroco di S. Gioacchino in Partinico. A Partinico per il catechismo ai fanciulli ha comprato e ampliato una vecchia casa, sita in via Medici, in prossimità della Chiesa e ne ha costruita una nuova in via Zito, per i fanciulli della periferia e per tutti un oratorio festivo di oltre 10.000 mq. di terreno, sito in prossimità della via Madonna del Ponte.

Il 01.09.1971 fu nominato canonico della Cattedrale di Monreale e amministratore del Seminario Arcivescovile di Monreale, nonché legale rappresentante e gestore del Ginnasio – Liceo fino al 30.09.1981. In dieci anni di lavoro in Seminario ha curato il restauro di tutti i locali specialmente della Biblioteca e Pinacoteca Torres. L’amministrazione del Seminario è stata condotta in maniera oggettiva chiudendo la contabilità in attivo.

Il 05.11.1980 è stato nominato rettore della Chiesa di Maria SS. Addolorata al Calvario delle Croci di Monreale per un recupero della stessa che da dieci anni si trovava in uno stato di degrado e di profanazione; il sacro edificio mancava di porte finestre, era diventato luogo poco sicuro. I lavori più urgenti furono fatti a spese proprie e con il contributo di alcuni membri della Confraternita del Volto Santo.

Il 01.09.1981 è stato nominato Canonico Penitenziere della Cattedrale e il 01.10.1981 Direttore dell’Ufficio Amministrativo Diocesano ed Economo della Diocesi. Direttore dell’Archivio Storico della Diocesi il 01.06.2009.

Ha pubblicato numerosi e interessanti saggi:1. La Madonna e Monreale – 1985; 2. Il Catechismo in Siciliano – 1990;  3. Arcidiocesi di Monreale Enti Diocesani- e Parrocchie – 1998; 4. Dottrina Cristiana – 2004;  Il Duomo di Monreale – L’abbraccio di Dio – 2006; 6. La Cattedrale di Monreale – 2007; 7. Duomo di Monreale: Cappella del Crocifisso 2007; 8. Santuario della Madonna del Balzo di Bisacquino 2010.

Tante e convergenti le attestazioni di stima a cominciare da quella del Vescovo di Monreale al funerale, evidenziando come per tutti gli anni della sua vita sacerdotale, è stato fecondo padre spirituale, grande uomo religioso e un modello da seguire, soprattutto oggi, per il suo senso di responsabilità, per la sua onestà, oculatezza, trasparenza nello svolgere i numerosi e delicati incarichi ricevuti. Ha saputo ricercare sempre il bene comune e il vero interesse della Chiesa, della Diocesi, delle anime.

“All’età di 91 anni – afferma Docente Giuseppe Ruggirello, docente presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia e direttore della Biblioteca Ludovico II De Torres  del Seminario arcivescovile di Monreale – porta con sé un tratto importante della storia dell’Arcidiocesi di Monreale, avendo vissuto un appassionato amore per la chiesa diocesana e in particolar modo per il Seminario.

Per questo è indispensabile evidenziare che era membro, dagli anni 1990, dell’Istituto Gesù Sacerdote, fondato da don Giacomo Alberione della Famiglia Paolina. La spiritualità paolina molto solida ed essenziale, incentrata in Cristo Parola ed Eucarestia, punta molto sul senso di responsabilità nello svolgere l’attività apostolica che viene assegnata. Soprattutto nel saper amministrare con oculatezza, trasparenza ed onestà tutti i beni (materiali e spirituali) che abbiamo a disposizione per rendere veramente efficace e feconda la missione. E tra tutti i meriti che si possono attribuire a mons Saverio Ferina, spicca senz’altro questo profondo e continuo senso di responsabilità, la preparazione seria per svolgere al meglio la missione, la valorizzazione di tutti i mezzi per evangelizzare (ha pubblicato molti libri), e l’impegno ad amministrare i beni e ad animare le anime sempre con autorevolezza e fecondità pastorale.