Home

L'attesa del Messia (RINALDO FABRIS)

L'appellativo “messia”, dal verbo ebraico mashâch, “ungere” significa “consacrato”, “scelto” da Dio per un compito di liberazione.

01dIl rito simbolico dell'unzione regale è raccontato nel primo Libro di Samuele, dove il profeta Samuele versa sulla testa di Saul l'ampolla dell'olio, poi lo bacia dicendo: “Ecco: il Signore ti ha unto capo sopra Israele suo popolo. Tu avrai potere sul popolo del Signore e tu lo libererai dalle mani dei nemici che gli stanno intorno” (1Sam 10,1). Quindi gli annuncia alcuni segni che confermeranno la sua investitura: “Lo spirito del Signore investirà… e sarai trasformato in un altro uomo. Quando questi segni che ti riguardano saranno accaduti, farai come vorrai, perché Dio sarà con te” (1Sam 10,6-7).

Leggi tutto...

 

Uscire, facilitare ed esserci

Discorso di Papa Francesco ai partecipanti al Congresso internazionale della Pastorale delle grandi città:
 
images 1Cari fratelli vi ringrazio per la vostra partecipazione a questo incontro, che si ricollega al momento preparatorio svoltosi a Barcellona nello scorso maggio. Ringrazio il Cardinale Sistach per le sue parole di introduzione.  Più che fare un discorso formale - in parte perché io vorrei essere un po’ spontaneo e in parte perché non ho avuto tempo di fare un discorso formale: fra quelli della Turchia, quelli dell’Europa, ero pieno… - io vi parlerò a partire dalla mia esperienza personale, di uno che è stato pastore di una città popolosa e multiculturale com’è Buenos Aires.  E anche dell’esperienza che abbiamo realizzato insieme come vescovi delle 11 diocesi che compongono quella regione ecclesiastica; con loro, partendo da diversi ambiti e proposte, abbiamo cercato in comunione ecclesiale di affrontare alcuni aspetti pastorali per l’evangelizzazione di quell’agglomerato urbano con una popolazione di circa 13 milioni di persone, in tutte le 11 diocesi: Buenos Aires ne ha tre milioni di notte e quasi otto durante la giornata, che vengono nella città.

Leggi tutto...

 

Avvento e "conversione"

RIFLESSIONE PER IL TEMPO LITURGICO DI AVVENTO (Matteo Ferrari Camaldolese)

candela accesaLe celebrazioni del tempo di Avvento sono caratterizzate dal colore liturgico viola (o violaceo), come per la Quaresima. Questa affinità tra i due tempi liturgici nell’uso del colore per i paramenti lascia intendere anche una somiglianza tra questi due periodi dell’anno liturgico. Spesso si parla, forse con troppa enfasi, dell’Avvento come tempo penitenziale, proprio come per la Quaresima. Se da una parte non è corretto ridurre l’Avvento a una “seconda Quaresima”, dal momento che la natura di questi due tempi liturgici è differente, tuttavia si può parlare di una “conversione” propria di questo tempo liturgico che emerge dai testi eucologici (le preghiere) e dalle letture bibliche del Lezionario. Proviamo allora a ripercorrere i testi liturgici dell’Avvento per fare emergere qual è la “conversione” che questo tempo liturgico vuole generare nella vita personale e comunitaria dei credenti.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 27 Novembre 2014 06:07 )

Leggi tutto...

 

Il potere di uccidere il drago

Riconoscere il potere fondante: la degenerazione possibile (biblista GIANCARLO BIGUZZI)
 
1000978 552095454845260 1207219461 nNeppure l’anarchico può vivere se non c’è esercizio di potere: del potere egli riconosce l’inevitabilità proprio mentre ne chiede il decentramento più ampio possibile. Per la sua battaglia l’anarchico va in cerca delle indicazioni che vengono dalle leggi della natura. E come non dargli ragione? Nella natura infatti tutto è gerarchizzato: ci sono genitori e figli, docenti e alunni, maestri e apprendisti, e giudici tra contendenti. Insomma, nella vita sociale ci vogliono la genitorialità, l’esperienza, la competenza… e l’autorità che nasce dall’inevitabile contratto sociale. Poi - non sembri poco - Dio è pantokrat?r! Lo professiamo ogni domenica a messa: «Credo in un solo Dio, Padre onnipotente». Dio è dunque sommo potere e, come dice Gesù a Pilato, ogni potere viene da Dio, dall’alto (Gv 19,11). Essendo poi per sua natura Amore (1Gv 4,8.16), Dio è sommo potere ispirato da sommo amore.  Tutti sanno però che in mano agli uomini il potere degenera, ed è bene mettere a nudo che il potere degenera astutamente e abilmente.

 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 26 Novembre 2014 09:38 )

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>
Pagina 110 di 141