Home

La crisi ambientale è una crisi morale

 
Responsabilità da condividere tra scienziati, imprese, politici e consumatori con la consapevolezza che si deve cercare l’alternativa alla distruzione ·
 
«Lavorare per un ambiente migliore ha senso se si lavora anche per avere persone migliori»: è la premessa, un po’ sorprendente, che il ricercatore ed esploratore Alex Bellini fa prima di parlare degli otto milioni di tonnellate di materiale plastico che ogni anno si riversano negli oceani, senza eccezione per il 2019. Abbiamo intervistato Bellini — che con le sue competenze scientifiche collabora con università italiane e straniere e organizzazioni come il Wwf — appena di ritorno dal particolarissimo viaggio alla Garbage Patch, la cosiddetta «isola di plastica» dalle dimensioni pari a due volte l’estensione della Francia, che si trova tra San Francisco e le isole Hawaii.
 
 

Leggi tutto...

 

Vivere nel Tempo, toccare l'Eterno (Card. Ravasi)

 
È divenuto quasi un luogo comune – quando si parla del tempo – citare una battuta delle Confessioni di sant’Agostino (che al tema ha dedicato proprio in quel libro pagine acute e interessanti): «Che cos’è il tempo? Se nessuno me lo domanda, lo so. Se voglio spiegarlo a chi me lo domanda, non lo so più!».
 
È per questo che si sono moltiplicate all’infinito le definizioni di questa realtà che scandisce la storia esterna a noi ma che batte intimamente anche dentro di noi: illuminante è al riguardo la distinzione greca tra chrónos, che è il tempo 'cronologico', convenzionale, esterno a noi, e kairós, cioè il tempo esistenziale, personale, colmo di eventi, emozioni e pensieri (un’ora di una noiosa conferenza e un’ora con la persona amata hanno un identico chrónos ma un ben diverso kairós!). 
 

Leggi tutto...

 

I sacerdoti rispondono alla lettera di Papa Francesco

Spezzare la propria vita con Cristo Gesù
 
La lettera del Papa mi raggiunge, con grande stupore, mentre arrivo a Gerusalemme nella nuova casa della diocesi di Roma dove — con l’accoglienza e i suggerimenti fraterni del nostro don Filippo Morlacchi — è possibile vivere un tempo di “prossimità” col Maestro e poter trarre nuova forza e vigore per meglio servire il suo popolo. Giungo qui, provvidenzialmente, nella festa del Santo Curato d’Ars e, questo, non può non darmi il senso di questi giorni da vivere, sulle orme del Signore, proprio a beneficio del mio ministero sacerdotale da incarnare nella quotidianità della vita parrocchiale. Giungo qui con la valigia colma — assai più che di effetti personali — del vissuto di un anno pastorale fatto di gioie e dolori, successi e fallimenti, speranze e incertezze, come lo è stato per tanti confratelli che porto nel cuore, come per quelli ai quali faccio ancora fatica a dischiuderlo.

Leggi tutto...

 

TEOLOGIA OGGI: LEGGERE “I SEGNI DEI TEMPI” E COGLIERE “I TEMPI DEI SEGNI”.

 
Abbiamo partecipato ad Enna, agli inizi di settembre, al XXVI congresso dell’Associazione teologica italiana dal titolo “Ripensare l’umano”. Tanti teologi e tante teologhe coinvolti.
 
Le questioni sono state affrontate, in ascolto di scienziati riconosciuti a livello internazionale, partendo da tre luoghi emblematici: le neuroscienze, i “new media”, l’economia. In evidenza i cambiamenti epocali, che configurano in un modo nuovo l’umanità. Occasione affinché la teologia stessa sia in grado di cambiare per accompagnare questa metamorfosi. Oggi è l’uomo stesso che diventa “agente geologico fondamentale” che condiziona il pianeta e rende possibile o impossibile la sopravvivenza. Come teologi ci siamo interrogati se attraverso le relazioni e il dialogo con le scienze e le discipline che dominano il mondo, saremo in grado di tornare ad essere significativi, e uscire dall’angolo di irrilevanza in cui siamo confinati. In un mondo che si sta configurando, saremo in grado di dare un apporto?

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 3 di 153

 

Uno solo è il vostro Maestro
e voi siete tutti fratelli.
(Mt 23,8)

Io sono la via, la verità e la vita.
(Gv 14,6)

Non sono più io che vivo
ma Cristo vive in me.
(Gal. 2,20)

 

gesumaestro