Home

Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino (Leonardo Boff)

 
Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere come andavano i bambini e le bambine, che una volta, quando era tra noi, “toccava e benediceva”, e aveva detto: “Lasciate che i bambini vengano a me, perché di loro è il Regno di Dio “(Lc 18, 15-16).
 
Come negli antichi miti, salì su un raggio del cielo e arrivò sulla Terra qualche settimana prima di Natale. Prese la forma di uno spazzino che puliva le strade. Così poteva vedere meglio i passanti, i negozi tutti illuminati e pieni di cose avvolte a mo di regalo e soprattutto le sue sorelle e i suoi fratelli più piccoli che passavano lì, mal vestiti e molti di loro affamati, chiedendo le elemosine. Si rattristò moltissimo perché si rese conto che quasi nessuno dava ascolto alle parole che lui aveva detto: «Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, è me che accoglie” (Marco 09:37).

Leggi tutto...

 

Donne vive e vere - Le Madonne della tradizione italiana

 
Pubblichiamo l’intervento della psicologa italiana pronunciato in occasione della presentazione del volume «Generare Dio» di Massimo Cacciari
 
L’arte, ha affermato Cacciari all’ultimo Festival/Filosofia di Modena, «è una necessità per manifestare l’essenziale. È determinante nella vita perché mostra qualche cosa che altrimenti non potrebbe essere mostrato».  Nel suo Generare Dio (Bologna, Il Mulino, 2017, pagine 105, euro 12) centrato sull’iconografia mariana, il ricorso alla pittura rinascimentale rivela tutta la sua efficacia nel confronto, che percorre tutto il libro, con le icone bizantine. I ritratti orientali del volto della Vergine, immobilizzati in una posa fissa e impersonale, rinviano dal visibile all’invisibile, alludono a una divinità irraggiungibile e astratta da affermare con fede dogmatica e certa. Mentre il loro sguardo frontale ipnotizza lo spettatore, siamo noi occidentali a guardare le figure della pittura animandole con la nostra interrogazione. 

 

Leggi tutto...

 

C’è poco da scherzare - Nei tre segreti di Fatima (di Angelo Card. Amato)

 
Quando ero Segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede ho avuto il privilegio di avere tra mano e di leggere i manoscritti originali riguardanti i segreti di Fatima e il loro messaggio. Li ho meditati a lungo perché gettano una luce di fede e di speranza sui tristissimi eventi del secolo scorso e non solo.
 
Ricordiamo che il Novecento, pronosticato come tempo dominato dalla ragione e dalla fraternità tra i popoli, in realtà è stato un periodo tragico per il cristianesimo, perseguitato e oppresso in molte parti del mondo. Senza considerare le due guerre mondiali, le stazioni più tragiche di questa Via Crucis evangelica sono state in sequenza il genocidio armeno, la repressione messicana, la persecuzione spagnola, le stragi naziste, lo sterminio comunista, e, in questa prima parte del terzo millennio, la persecuzione islamista. Sono milioni le vittime di ideologie maligne, che hanno generato e generano ancora conflitti, odi e divisioni. .Come ripete spesso Papa Francesco, la Chiesa oggi è chiesa di martiri, di quei cristiani che, inermi, vengono quotidianamente uccisi solo per odio alla loro incrollabile fede in Nostro Signore Gesù Cristo.

Leggi tutto...

 

Delpini: “Un’alleanza di buon vicinato contro l’individualismo a Milano?

 
Il primo discorso di Sant’Ambrogio del nuovo arcivescovo: “Un patto per cittadini e istituzioni che chiede a ciascuno di non vivere la città come servizi da sfruttare o pericoli da temere, ma come vocazione a creare legami?
 
Vuole «proporre un’alleanza», per «convocare tutti per mettere mano all’impresa di edificare in tutta la nostra terra quel buon vicinato che rassicura, che rasserena, che rende desiderabile la convivenza dei molti e dei diversi, per cultura, ceto sociale e religione». Nel suo primo discorso alla città da arcivescovo di Milano, pronunciato il pomeriggio di mercoledì 6 dicembre nella basilica di sant’Ambrogio, vigilia della festa del santo, Mario Delpini decide di parlare positivo. Non si scaglia contro le istituzioni, ma le elogia. Non parla di mala politica, ma invoca un patto di «buon vicinato» perché la metropoli ambrosiana sia ancora capace di creare legami e prossimità. 

 

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 3 di 116

 

Uno solo è il vostro Maestro
e voi siete tutti fratelli.
(Mt 23,8)

Io sono la via, la verità e la vita.
(Gv 14,6)

Non sono più io che vivo
ma Cristo vive in me.
(Gal. 2,20)

 

gesumaestro