Home

LA PAROLA DI DIO DEV'ESSERE ATTUALIZZATA PER DARE RISPOSTA ALLE URGENZE E ALLE ATTESE DELL'UOMO CONTEMPORANEO

 
Riflessioni  sulla parola di Dio (Giordano Frosini)
 
Cosa può dire l'esegesi biblica lasciata sola nei riguardi della vita e della missione della chiesa e dei problemi degli uomini del nostro tempo? Essa ha bisogno sia della teologia biblica che di quella sistematica. La deleteria separazione fra spiritualità e teologia ha portato a forme di intimismo spiritualistico. L'esemplare riflessione dei Padri della chiesa. Dovrebbe essere a tutti noto il contenuto dell'intervento straordinario di Benedetto XVI all'ultimo sinodo dei vescovi sul rapporto fra teologia ed esegesi, insieme all'appello da lui formulato perché fra le due discipline ci sia o si ristabilisca quell'armonia necessaria raccomandata dallo stesso concilio Vaticano II, soprattutto al n. 12 della Dei Verbum.

 

Leggi tutto...

 

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA QUARESIMA 2017

 
La Parola è un dono. L’altro è un dono
 
Cari fratelli e sorelle, la Quaresima è un nuovo inizio, una strada che conduce verso una meta sicura: la Pasqua di Risurrezione, la vittoria di Cristo sulla morte. E sempre questo tempo ci rivolge un forte invito alla conversione: il cristiano è chiamato a tornare a Dio «con tutto il cuore» (Gl 2,12), per non accontentarsi di una vita mediocre, ma crescere nell’amicizia con il Signore. Gesù è l’amico fedele che non ci abbandona mai, perché, anche quando pecchiamo, attende con pazienza il nostro ritorno a Lui e, con questa attesa, manifesta la sua volontà di perdono (cfr Omelia nella S. Messa, 8 gennaio 2016). La Quaresima è il momento favorevole per intensificare la vita dello spirito attraverso i santi mezzi che la Chiesa ci offre: il digiuno, la preghiera e l’elemosina. 
 

Leggi tutto...

 

La perdita di senso del peccato e la banalità del male: Intervista a don Antonio Sabetta (Università Lateranense)

 
Il nostro tempo è più debole nel fare i conti con il male e il peccato?
 
Il re Davide è acceso di desiderio per la moglie del suo generale, Uria, e così lo manda in prima fila in battaglia aspettandosi che venga ucciso, come avviene. Il re è colpevole di adulterio e omicidio, eppure – ha affermato Papa Francesco commentando il passo biblico qualche giorno fa nell'omelia della Messa quotidiana a Santa Marta – non avverte il peccato e derubrica la vicenda a semplice "problema" da risolvere. Quando viene meno la presenza di Dio fra gli uomini, ha proseguito Francesco, viene meno anche "il senso del peccato" e per colpa della "medocrità cristiana", tante vittime innocenti, come Uria, pagano un prezzo. Aleteia ne ha parlato con don Antonio Sabetta, docente di teologia fondamentale alla Pontificia Università lateranense.

Leggi tutto...

 

Il card. Coccopalmerio spiega l'8°capitolo di "Amoris Laetitia"

 
Presentazione questa mattina alla Radio Vaticana del volume: “Il capitolo ottavo dI Amoris Laetitia” scritto dal card. Francesco Coccopalmerio.
 
All’incontro con i giornalisti mons. Maurizio Gronchi, professore ordinario di Cristologia all’Urbaniana e consultore della Congregazione per la Dottrina della Fede, il vaticanista Orazio La Rocca, e don Giuseppe Costa, direttore della Libreria Editrice Vaticana che ha pubblicato il testo. Il servizio di Adriana Masotti: L’ottavo capitolo della Amoris Laetitia, dedicato alle unioni irregolari è certamente quello che ha suscitato più interesse e interrogativi riguardo all’Esortazione apostolica post sinodale. La domanda cruciale è se una pastorale più attenta alle singole persone, improntata ad accompagnare, discernere e integrare la fragilità sia in contrasto con la Dottrina tradizionale della Chiesa.

 

Leggi tutto...

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 94